Teatri

Pontebba

Teatro Italia

Via Grillo, 3 – Pontebba (UD)

Inizio spettacoli
ore 21
Info & prenotazioni

Ufficio Iat Pontebba

tel: 0428 90693
Email: contatti@pontebba.info

RECUPERI STAGIONE 2019/2020

Per lo spettacolo Vernia o non Vernia: Interi € 20 / Ridotti € 17. Prevendita presso il Punto IAT di Pontebba a partire dal 2 gennaio e la sera dello spettacolo dalle ore 20.00 al Teatro Candoni di Tolmezzo.

Per lo spettacolo Carmen/Bolero: Platea primi posti interi € 20 / Platea secondi posti e galleria intero € 17 / Platea e galleria secondi posti ridotti € 14

 

STAGIONE 2021/2022

Biglietti:

Platea primi posti intero € 20 / Platea e galleria secondi posti intero € 17 / Platea e galleria secondi posti ridotti € 14

Biglietti concerto:

Posto unico € 12

 

Abbonamento:

Platea primi posti intero € 55 / Platea primi posti ridotto € 49 / Platea secondi posti e galleria intero e € 49 / Platea secondi posti e galleria ridotto € 43

 

CAMPAGNA ABBONAMENTI all’Ufficio IAT di Pontebba

Gli abbonati alla Stagione 2019/2020 potranno rinnovare l’abbonamento dal 7 al 22 gennaio dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 13.00, il sabato dalle 16.00 alle 18.00.
Nuovi abbonamenti dal 23 al 30 gennaio negli stessi orari.

 

PREVENDITA BIGLIETTI

Presso l’Ufficio IAT di Pontebba venerdì, sabato e domenica dalle 9.00 alle 13.00 e in teatro la sera dello spettacolo dalle ore 20.00.

Spettacoli

PONTEBBA, LA PIU’ SETTENTRIONALE DEL CIRCUITO

 

Curiosamente, la costruzione del Municipio di Pontebba e quella del suo Teatro sono coeve, e avvengono tra il 1923 e il 1925. La sala ospita dapprima rappresentazioni teatrali e cinematografiche, che si interrompono però negli anni più difficili della guerra, tra il 1940 e il 1945. Al termine del conflitto la sala assume l’attuale denominazione di Cinema Teatro Italia e viene data in gestione dal Comune al CRAL che diventerà poi ENAL – Dopolavoro Comunale.

Dalla ripresa del 1946, l’ospitalità del teatro si apre a spettacoli di diverso tipo: cinema, prosa, ma anche opere liriche, operette, manifestazioni musicali a livello locale. E inoltre, conferenze, comizi, veglioni, proiezioni di diapositive alpinistiche, cineforum.

Con la nascita dell’ERT FVG, di cui l’ENAL di Pontebba è socio fondatore, l’Ente e il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia verificano l’adeguatezza della sala e propongono una serie di migliorie (ampliamento del palcoscenico, costruzione di camerini nel sottopalco, nuovo impianto elettrico, adeguamento complessivo alle norme di sicurezza) affinché possano essere ospitate nel Cinema Teatro Italia compagnie di prosa di livello nazionale.

È nel marzo del 1973, per lo sforzo congiunto di ERT, Comune di Pontebba e ENAL, e per l’impegno di Gino Taddio e Gianni De Candia, che la sala viene nuovamente riaperta al pubblico, in una memorabile serata inaugurale. Primo spettacolo in cartellone sarà L’ultin di Carneval là di Plet.

A seguire molti dei grandi interpreti del teatro italiano troveranno in questa – che è una delle sale più settentrionali della penisola, seconda soltanto a quelle dell’Alto Adige – l’occasione per stabilire uno speciale rapporto di complicità con il pubblico: gli abitanti di un ambiente di montagna così diverso dai soliti percorsi di chi fa teatro. Saranno le attrici e gli attori che gli spettatori ricordano tra figure storiche del teatro del secondo ‘900. Da Ernesto Calindri a Lea Padovani, da Salvo Randone a Franca Valeri, ma anche mostri sacri come Paola Borboni. Fino a quella giovane generazione che si è andata affermando a cominciare dagli anni ‘70, come Luca Barbareschi e
Massimo Dapporto.

 

tratto dalla pubblicazione della Pro Loco Pontebba, dedicata al Cinema Teatro Italia